La povertà e le sue intollerabili conseguenze.

Nel sud-est europeo si trova uno dei paesi più poveri al mondo: Moldavia. A soffrire la povertà non è solo la sua gente bensì lo stesso Stato, che dispone di risorse finanziarie insufficienti per far fronte ai propri oneri, tra cui fornire assistenza medico-sanitaria alla popolazione.

Sono i più piccoli a pagare duramente le conseguenze di questa povertà, poiché nella maggior parte dei casi pagano con la loro stessa vita. Le statistiche del Ministero della Salute dimostrano che, in Moldova, ogni nono bambino muore a causa di malformazioni cardiache congenite già nella prima settimana di vita. Solo metà dei neonati affetti compie il primo anno d’età. La mortalità di questa categoria di bambini è 21 volte superiore alla media nazionale e almeno 60 volte superiore a quella di tutta l’UE.

Genitori in ristrettezze economiche necessitano di diverse migliaia di Euro per salvare le vite dei loro bambini con malformazioni cardiache congenite. Situazione particolarmente difficile per le famiglie, poiché i propri piccoli vanno sottoposti ad intervento chirurgico subito dopo la nascita, altrimenti è troppo tardi. Inoltre, gli ospedali della Repubblica Moldova non dispongono delle attrezzature mediche adeguate per eseguire tali interventi. I genitori sono quindi costretti a procurarsi i mezzi finanziari necessari in brevissimo tempo e superare i vari ostacoli burocratici, per poter condurre il proprio bimbo all’estero, presso una clinica specializzata.

Piccoli gesti, grandi risultati.

La fondazione Baby’s Heart Foundation è stata creata da un gruppo di cittadini europei, a cui sta a cuore il destino dei neonati moldovi affetti da cardiopatie congenite. Questi si impegnano attivamente poiché sanno che, in realtà, fornire vitale assistenza a questi bimbi non è impresa difficile.

Fini e scopi della fondazione.

Condurre dialoghi preparatori con le famiglie colpite e fornire loro supporto psicologico, emotivo e informativo.

Adoperarsi per fornire cure mediche immediate ai neonati affetti da cardiopatie, che necessitano di intervento chirurgico immediato. (Si tratta essenzialmente di cardiopatie subordinate a PDA che vanno operate nei primi sette giorni di vita).

È nostro obiettivo consentire il trasporto e il trattamento chirurgico dei bambini nei paesi limitrofi. L’ambulanza per bambini, donata dalla DSC, viene utilizzata esclusivamente a tal scopo.

Per sostenere questa missione, la fondazione raccoglie donazioni.